Gazzini Carceri

Home Page

cover sito.jpg (7830 byte)

Reti Medievali E-Book; 30

Marina Gazzini

Storie di vita e di malavita.

Criminali, poveri e altri miserabili

nelle carceri di Milano

alla fine del medioevo



Firenze, Reti Medievali - Firenze University Press, 2017
214 p. ; 24 cm.

ISBN 978-88-6453-614-9 (print)
ISBN 978-88-6453-615-6 (online PDF)
ISBN 978-88-6453-616-3 (online EPUB)
Class. dec. Dewey: 365.945
Classificazione LC: HV8532.I8 G45
Keywords: Medioevo, Milano, carceri, carcerati, poveri, misericordia, giustizia, assistenza, Visconti, Sforza, suppliche, fonti giudiziarie. Middle Ages, Milan, Prisons, Prisoners, Poors, Mercy, Justice, Charity, Visconti, Sforza, Petitions, Judicial sources.

Pdf per Acrobat Reader (Free download - 3 MB)
Volume a stampa, € 18,90 (ordine)
EPUB, € **,** (ordine)


Indice

Ringraziamenti
Introduzione

Capitolo 1. I carcerati nel medioevo: Milano, Italia

1. Un ritardo storiografico e le sue ragioni
2. La giustizia attraverso lo specchio della prigione
3. Il case-study milanese: fonti e metodo

Capitolo 2. Luoghi e spazi dell’imprigionamento

1. Carceri pubbliche, private, ecclesiastiche
2. La Malastalla, carcere comunale e ospedale

Capitolo 3. Profili di carcerati

1. Tra norma e prassi
2. Non solo uomini, non solo laici: donne e chierici
3. Prigionia e povertà

Capitolo 4. «Cura et custodia» dei carcerati

1. La sorveglianza
2. Aiuti materiali e altre attenzioni umane
3. Pratiche di culto e assistenza religiosa

Capitolo 5. Giustizia e misericordia per i carcerati

1. La tutela legale
2. La misericordia del dominus


Conclusioni. Fuori dal limbo

Appendice. Per una storia della criminalità: liste di prigionieri e di condannati a morte
I. Liste di prigionia
II. Liste di morte


Illustrazioni
Abbreviazioni e sigle
Nota monetaria
Unità di misura
Fonti, bibliografia e sitografia
Indice dei nomi

 


Abstract

[It] Il volume affronta un tema poco praticato dalla storiografia medievistica italiana – le prigioni e i loro abitanti – e cerca di mettere in risalto le specificità del caso milanese intorno al rapporto tra carcerati, giustizia e misericordia. Indagare la condizione dei carcerati si rivela un modo per cogliere le dinamiche di esclusione e di inclusione sociale pertinenti al controllo della devianza, una via di accesso all’ideologia religiosa, un mezzo per scavare nelle condizioni sociali ed economiche di una fetta di popolazione che, senza indagini di questo genere, rimarrebbe confinata a rappresentazioni di maniera, e permette infine un’ulteriore verifica dei meccanismi di relazione tra governanti e governati in uno stato, in questo caso principesco, del tardo medioevo.

[En] This book deals with a little practiced theme by italian medieval studies – prisons and their inhabitants – and seeks to highlight the specificity of the case-study of Milan around the relationship between prisoners, justice and mercy. Investigating the condition of prisoners it’s been a way to grasp the dynamics of social exclusion and inclusion relevant to the control of deviance, an access road to religious ideology, a way of delving into social and economic conditions of a slice of the population that, without investigations of this kind, would remain confined to rhetorical representations, and finally allows further verification of relationship’s mechanisms between government and governed people in a princely state of the late Middle Ages.

 


Autore

[It] Marina Gazzini (Milano, 1965), insegna Storia medievale presso l’Università di Parma. I suoi interessi scientifici sono rivolti principalmente verso la storia della società, della religiosità e dell’economia dell’Italia medievale. Tra le sue pubblicazioni: "Dare et habere”. Il mondo di un mercante milanese del Quattrocento, Firenze 2002; Confraternite e società cittadina nel medioevo italiano, Bologna 2006; (a cura di), Studi confraternali: orientamenti, problemi, testimonianze, Firenze 2009; (a cura di, insieme ad A. Oliveri), L’ospedale, il denaro e altre ricchezze. Scritture e pratiche economiche dell’assistenza in Italia nel tardo Medioevo, «Reti medievali Rivista», 17/1 (2016).

[En] Marina Gazzini (Milano, 1965), is professor of Medieval History at the University of Parma. Her research interests are focused on social, religious and economic history of italian Middle Ages. Among her works there are: "Dare et habere”. Il mondo di un mercante milanese del Quattrocento, Firenze 2002; Confraternite e società cittadina nel medioevo italiano, Bologna 2006; (ed.), Studi confraternali: orientamenti, problemi, testimonianze, Firenze 2009; (ed. together with A. Oliveri), L’ospedale, il denaro e altre ricchezze. Scritture e pratiche economiche dell’assistenza in Italia nel tardo Medioevo, «Reti medievali Rivista», 17/1 (2016).

 


print

 
Sostieni RM

5 per mille a Reti Medievali

È sufficiente firmare nella dichiarazione dei redditi nella casella "Finanziamento della ricerca scientifica e della università" e scrivere il codice fiscale 93147520238

10 euro per Reti Medievali

Chi intende sostenere Reti Medievali può effettuare un bonifico bancario all'"Ass. cult. Reti Medievali", Banco Popolare di Verona e Novara, Piazza Nogara 2, 37121 Verona, IBAN:

IT51 U05188 11701 000000164505, SWIFT code: BAPPIT21001

oppure con carta di credito sul sito sicuro di Paypal:

 
Login