Petti Balbi

Home Page

cover sito.jpg (7830 byte)

Reti Medievali E-Book; 9

Giovanna Petti Balbi

Governare la città.

Pratiche sociali e linguaggi politici a Genova in età medievale


Firenze, Reti Medievali - Firenze University Press, 2007 (Già "Monografie, 4")
378 p. ; 24 cm.
ISBN 9788884536044
Class. dec. Dewey: 945 Classificazione LC: DG
Keywords: Italy; Genoa; Liguria; 11th-15th century; politics; society; culture;

Pdf per Acrobat Reader (download 2.349 KB)
Stampa a richiesta (Print on demand), Euro 29,00 (ordine)


Indice

I. Organizzazione familiare 
1. Strutture familiari nella Liguria medievale
2. La vita e la morte: riti e comportamenti in ambito urbano
3. I Visconti di Genova: identità e funzioni dei Carmadino (secoli XI-XII)
4. I Fieschi: un percorso familiare

II. Dinamiche sociali
1. Magnati e popolani in area ligure
2. L’apogeo della città tra Due e Trecento
3. I Gerosolimitani in Liguria in età medievale tra tensioni politiche e compiti istituzionali
4. Un “familiare” genovese di Giacomo II: Cristiano Spinola
5. Le strategie mercantili di una grande casata genovese: Francesco Spinola tra Bruges e Malaga (1420-1456)
6. Circolazione mercantile e arti suntuarie a Genova tra il secolo XIII e il XV

III. Vita culturale
1. Potere, società e cultura a Genova nel Medioevo
2. Libri greci a Genova a metà del Quattrocento
3. Cultura e potere a Genova: la biblioteca di Raffaele Adorno (1396)
4. Dall’annalistica alla storiografia: il cancelliere Iacopo Bracelli
5. Un uomo delle istituzioni: Gottardo Stella di Sarzana, cancelliere
e diplomatico genovese del Quattrocento

IV. Linguaggi del potere
1. Una lunga carriera, un breve dogato: Leonardo Montaldo doge di Genova tra il 1383 e il 1384
2. La celebrazione del potere: l’apparato funebre per Battista Campofregoso (1442)
3. Le cerimonie genovesi per le visite degli Sforza alla città
4. Celebrazione e legittimazione di una famiglia dogale genovese: i Campofregoso nel Quattrocento


Abstract

[It] L’organizzazione socio-politica e la cultura del potere di un’importate città-stato medievale costituiscono il collante dei saggi qui raccolti. L’approccio alla storia di Genova tocca diversi ambiti che esulano dalla mera realtà cittadina, con puntate sul territorio, soprattutto della Riviera di Levante. È la storia di una comunità di uomini intraprendenti che proiettano in varie direzioni le loro ambizioni e il desiderio di affermazione. Le strategie politiche, le dinamiche sociali, il linguaggio delle istituzioni e degli uomini che le esprimono concorrono a delineare gli instabili assetti di una città che tenta, senza riuscirvi, di approdare nel Quattrocento a forme di governo e di autorappresentazione pari a quelle maturate in altri ambiti italiani.

[En] The social and political organization and the power culture of an important medieval city-state constitute the glue of the essays recollected here. The approach to the history of Genoa concerns different aspects, which lie outside from the mere small town reality, with raids on the territory especially in Riviera di levante. It is a history of enterprising men, which project in different directions their own ambitions and their desire to achievement. The homely strategies, the social dynamic, the language of institutio and society come together to outline the unsettled orders of Genoa which tries, unsuccessfully, to come in the fifteenth century to government and representation forms similar to ones completed in others Italian spheres.


Autore

Giovanna Petti Balbi insegna Storia medievale presso l’Università di Genova. Si è rivolta a problemi di natura culturale, istituzionale, sociale ed economica del mondo ligure-genovese in età medievale. Tra i suoi lavori recenti: Una città e il suo mare. Genova nel medioevo, Bologna 1991, Simon Boccanegra e la Genova del Trecento, Genova 1991, Negoziare fuori patria. Nazioni e genovesi in età medievale, Bologna 2005.



print

 
Sostieni RM

5 per mille a Reti Medievali

È sufficiente firmare nella dichiarazione dei redditi nella casella "Finanziamento della ricerca scientifica e della università" e scrivere il codice fiscale 93147520238

10 euro per Reti Medievali

Chi intende sostenere Reti Medievali può effettuare un bonifico bancario all'"Ass. cult. Reti Medievali", Banco Popolare di Verona e Novara, Piazza Nogara 2, 37121 Verona, IBAN:

IT51 U05188 11701 000000164505, SWIFT code: BAPPIT21001

oppure con carta di credito sul sito sicuro di Paypal:

 
Login